5° Convegno Ecclesiale Nazionale
Ultimo numero di DIALOGO
Segnalato da Voi
Area Riservata
Risorse

Mons. Francesco Spanedda - Biografia

Mons. Francesco Spanedda - Biografia

Mons. Giacomo Lanzetti Mons. Francesco Spanedda
Nato a Ploaghe il 21.06.1910
Ordinato sacerdote il 15.08.1934
 Eletto vescovo di Bosa il 23.12.1956
Ordinato vescovo il 17.03.1957
Eletto vescovo di Alghero il 18.03.1972
Nominato Arcivescovo Metropolita di Oristano il 17.03.1979
 
 
S.E. Mons. Francesco Spanedda nacque a Ploaghe il 21 Giugno 1910 e venne Ordinato sacerdote il 15 Agosto 1934. Si laureò in teologia all’Università Gregoriana di Roma, in Giurisprudenza all’Università di Sassari e in Filosofia al Seminario di Cuglieri. Per vent’anni fu direttore a Sassari del settimanale diocesano “Libertà” e collaboratore di Monsignor Mazzotti. Nominato vescovo di Bosa il 23 Dicembre 1956, ricevette l’Ordinazione episcopale il 17 Marzo 1957 dall’Arcivescovo Mons. Arcangelo Mazzotti, co-consacranti Mons. Giovanni Pirastru e Mons. Antonio Tedde. Fu eletto successivamente, il 18 marzo 1972, anche Vescovo della Diocesi di Alghero.
Nel suo ministero ebbe responsabilità di rilievo, tra le quali quella di componente della Commissione teologica che elaborò i documenti del Concilio Vaticano II.
Il 17 marzo 1979 fu nominato Arcivescovo Metropolita di Oristano e nel 1985 (18-20 ottobre) accolse – come Presidente della Conferenza Episcopale Sarda - Giovanni Paolo II in Sardegna, visita che portò il Papa anche a Oristano. Lasciò l’Arcidiocesi per raggiunti limiti di età il 30 Novembre 1985. Come Vescovo emerito visse fino alla morte a Sassari, nella Casa delle Suore Pie Sorelle Educatrici, dove morì il 15 Luglio 2001. I funerali, celebrati nella Cattedrale di Sassari, furono presieduti da Mons. Ottorino Pietro Alberti.
Siti di interesse


Diocesi di Alghero-Bosa

Via Principe Umberto, 7 - 07041 - Alghero (SS)
Telephone. +39.079.975209 - Fax. +39.079.9731862
I contenuti di questo sito sono di proprietà dei legittimi autori. Per riutilizzare tali contenuti è necessario citare la fonte.
powered by www.matteochessa.it